Monte Castello e il Castrum S. Adjutoris

Monte Castello e il Castrum S. Adjutoris

Teatro di una delle più celebrate feste cittadine, domina la vallata di Cava de’ Tirreni: incerta è la data di nascita del Castello, ma essa fu anteriore al Mille, essendo menzionato nei noti diplomi di donazioni alla Badia del 1035 e del 1058.

L’importanza strategica della collina su cui sorge il castello, posta a cavallo delle due strade che conducevano a Salerno, non sfuggì ai Principi Longobardi, i quali, perciò, vi edificarono una fortezza, che dovette essere un bell’esemplare di architettura militare nella quale i discendenti di Alboino si distinsero. Per renderla più efficiente, la fecero caposaldo di una serie di torri, terrapieni e mura che, attraversando le località Serra, Borrello e Campitello, si attestava ad Arco, per dove passava la “via Maggiore”. Questo schieramento difensivo fu prima denominato “Castrum Salerno”, poi “Castrum Sancti Adiutoris”, dal Santo che aveva dato il nome alla plaga circostante. Ma fin dal 1500 prevalse il termine generico di “Castello”.

Quale importanza acquistasse il caposaldo con le sue propaggini lo prova il fatto che il diploma di Gisulfo I, col quale tutto il territorio della valle metelliana veniva concesso in feudo al Monastero della Santissima Trinità, faceva eccezione per la fortezza di Sant’Adiutore: excepta fortelitia dicti castri.

Ovviamente il Principe la volle conservare nella sua dipendenza per la difesa della strada principale che conduceva a Salerno ed anche perché la zona costituiva un’importante posizione militare. Infatti, la rocca fece buona guardia e portò un contributo non indifferente a quel periodo di pace e di sicurezza di cui godette il travagliato Principato di Salerno, in seguito alla Battaglia di Garigliano del 915, con la quale perdettero di virulenza o cessarono le incursioni dei Saraceni. Degna di ricordo è poi la partecipazione valida ed efficace alla guerra combattuta, nel 1527, fra Carlo V e la Lega Papa-Veneziani-Francesi. Quando il Capo della Lega, Valdemont, sbarcato a Salerno, tentò di passare per Cava per andare a Napoli, che era sguarnita di forze essendo assente Carlo V, i cannoni del Castello e i 500 archibugi cavesi impedirono il passaggio.

Poi i Cavesi rioccuparono Salerno. Questo aiuto fu ricordato a Carlo V con queste parole: “Cum, anno praeterito 1527, hostes Vestrae Caesareae Maiestatis, navali expeditione Civitatem Salerni, invaserunt, homines et cives ipsi viriliter pugnaverunt, morte et vulneribus multorum, quod fuit causa ne hostes procederent”.

Il Castello, erroneamente ritenuto caposaldo dell’artiglieria tedesca durante la seconda guerra mondiale, venne raso al suolo dal lancio di bombe da parte di cacciabombardieri anglo-americani.

Dal Castello, nell’ottava del Corpus Domini, avviene la secolare Benedizione alla città ed un eccezionale spettacolo pirotecnico con cui si chiudono i festeggiamenti in onore del Santissimo Sacramento “Festa di Montecastello” in ricordo del Miracolo Eucaristico che, nel 1656, salvò Cava de’Tirreni dalla peste.

 

Indirizzo

Indirizzo:

Monte Castello Cava dei Tirreni

GPS:

40.705094179101, 14.716420060913

Telefono:

-

Email:

-

Web:

-

Fare clic sul pulsante per mostrare la mappa.

Lascia una recensione

captcha-input
Accessibilità
Servizi
Staff
Location
Prezzo
Pubblicazione in corso …
La tua valutazione è stata inviata correttamente
Compila tutti i campi
Captcha check failed